Marcelo Pecci, Procuratore antimafia, è stato ucciso mentre era in luna di miele

Pecci è morto subito dopo essere stato attaccato con armi da fuoco da parte di ignoti, su una spiaggia di Barù, nella città di Cartagena. Si trovava lì per trascorrere la luna di miele con la moglie, Claudia Aguilera


11 Maggio 2022

Marcelo Pecci, un Procuratore del Paraguay, specializzato contro il narcotraffico e la criminalità organizzata, è stato assassinato durante il suo viaggio di nozze in Colombia.

A confermare il crimine è stata l’ambasciatrice paraguaiana in Colombia. Pecci è morto subito dopo essere stato attaccato con armi da fuoco da parte di ignoti, su una spiaggia di Barù, nella città di Cartagena. Si trovava lì per trascorrere la luna di miele con la moglie, Claudia Aguilera.

Secondo i media colombiani, due persone si sarebbero avvicinate al procuratore a bordo di una moto d’acqua. Poi, hanno aperto il fuoco.

Pecci è stato immediatamente trasportato in un centro sanitario, ma è arrivato lì senza vita. La moglie non ha riportato ferite. Proprio qualche ora prima dell’omicidio, la moglie ha annunciato sui social che stavano aspettando un figlio.

Il direttore generale della Polizia Nazionale Colombiana, Jorge Luis Vargas, ha annunciato che andrà a Cartagena per seguire le indagini. Ha, inoltre, ordinato l’invio di cinque investigatori di “alto livello”.

Negli ultimi mesi, Pecci è stato responsabile di casi legati all’operazione “A Ultranza PY”, ovvero la più grande operazione antidroga del Paese. Il Presidente del Paraguay ha descritto i fatti come qualcosa di «molto doloroso, molto difficile» e ha promesso che continuerà la «lotta contro la criminalità organizzata».